Lo sport ai tempi del lockdown e del COVID

Dal workout casalingo agli allenamenti compromessi, passando per il piacere della riscoperta dell’attività fisica all’aria aperta. Il COVID e la pandemia ha riportato nuove abitudini ma anche vecchi sport rispolverati.

Il COVID c’è e rimane e le preoccupazioni restano. Tra le tante chiusure imposte, quella dello sport e delle palestre. Sul web e sui social si cercano le soluzioni.

Si diffondono gli allenamenti on-line, organizzati per gruppi dagli istruttori delle palestre, ma anche dai personal trainer.

Anche senza una palestra possiamo mantenere la forma fisica durante questa pandemia. L’allenamento a corpo libero è il metodo più antico del mondo.

Si usano carichi casalinghi (casse d’acqua e bottigliette per fare un esempio). Gli addominali non mancano mai. Il metodo è semplice. Se un esercizio dice 20 ripetizioni, fai 50 ripetizioni come puoi. Puoi fare 10 serie da da 5 ripetizioni, 5 serie da 10 ripetizioni, 2 serie da 25 ripetizioni. Tutto ciò che conta è che finisci 50 ripetizioni.

L’importante è regolare gli esercizi su se stessi

Un altro attrezzo molto utile e di facile reperibilità sono gli elastici fitness che hanno un’infinità di usi nell’allenamento a casa offrono più di un beneficio: il primo è che in alcuni casi possono sostituire i pesi, visto che operano secondo resistenze diverse. Ma a differenza dei pesi, gli elastici fitness non ingombrano: possiamo metterli in valigia, portarli al parco per perfezionare un allenamento a corpo libero. A seconda del tipo di elastico possiamo infatti allenare praticamente tutti i muscoli del corpo.

La fascia elastica migliora la qualità dell’esercizio in quanto ci costringe a controllare il movimento per non rischiare di sbagliarlo. Poi lavorando in contro-resistenza siamo costretti are i muscoli stabilizzatori e questo migliora l’equilibrio.

Anche la corsa ci può venire in aiuto se il nostro obiettivo è dimagrire e tenerci in forma. La parte iniziale è quella è quella più difficile. La cosa migliore da fare è iniziare con sessioni di allenamento brevi e a bassa intensità, ma regolari. successivamente, quando le performance iniziano a migliorare, le corse possono diventare più lunghe. Sarebbe meglio anche integrare la corsa con allenamenti di forza per costruire la massa muscolare. In questo modo non solo si bruciano più grassi, ma si correggono gli squilibri muscolari dovuti alla corsa.

Si dovrebbe iniziare con 3 uscite settimanali, che sono concesse per lo sport, nonostante il COVID. In generale, con più ci si allena, più i risultati ci saranno. E’ bene sempre ascoltare il proprio corpo e se si sente la necessità di fare una pausa, fermarsi. Si rischia se no di subire infortuni da sovrallenamento.

Importante è variare continuamente l’intensità dell’allenamento e non dare la possibilità al corpo di abituarsi: in questo modo accelera il metabolismo e si migliorano anche le performance.

E’ sempre bene abbinare all’esercizio fisico una dieta equilibrata evitando di mangiare o bere qualsiasi cosa che contenga zuccheri. Il corpo ha bisogno di recuperare dopo l’allenamento e per tornare allo stato normale ha bisogno di energie. Ecco perché continua a consumare calorie anche dopo la corsa.